Cash Flow to Debt Ratio

Il cash flow to debt ratio è un rapporto di copertura che riflette la relazione tra il flusso di cassa operativo di una società e il suo debito totale. In parole povere, questa metrica è spesso usata per determinare la lunghezza del tempo richiesto da un’azienda per pagare il suo debito usando solo il suo flusso di cassa. Il flusso di cassa è usato al posto dei guadagni, poiché il flusso di cassa è un indicatore più accurato della capacità finanziaria di un’azienda.

Sì, è improbabile che un’azienda spenda tutto il suo flusso di cassa operativo per coprire il suo debito. Tuttavia, il rapporto flusso di cassa/debito offre uno sguardo alla posizione finanziaria generale di un’azienda. Un rapporto alto mostra un’azienda che è altamente capace di ripagare il suo debito e di prendere più debito se necessario.

Un altro metodo per determinare il rapporto flusso di cassa/debito di un’azienda è di esaminare il suo EBITDA invece del suo flusso di cassa dalle operazioni. Questa opzione è usata raramente perché include l’investimento nell’inventario. Questo può non essere venduto prontamente e quindi non è liquido come il contante dalle operazioni. A meno che non ci siano abbastanza informazioni sulla composizione delle attività di una società, è quasi impossibile sapere se una società può pagare i suoi debiti così facilmente con il metodo EBITDA.

D’altra parte, una limitazione ovvia e significativa della formula che usa il flusso di cassa operativo invece dell’EBITDA, è la sua omissione dell’ammortamento. Il rapporto flusso di cassa/debito presuppone che il metodo usato per fare i pagamenti di interessi e capitale sia lo stesso, anno dopo anno.

Formula del rapporto flusso di cassa/debito

\testo{Flusso di cassa/debito} = \dfrac{Operational\: Cash: Flusso di cassa}{Totale: Debito}

In questa formula, il debito copre sia il debito a breve termine che quello a lungo termine. Il calcolo usa anche raramente l’EBITDA (guadagni prima di interessi, tasse, svalutazione e ammortamento).

Il calcolo del debito totale considera i pagamenti di interessi e capitale dal bilancio corrente. Tuttavia, le aziende possono usare molti schemi di finanziamento diversi, come fare pagamenti di soli interessi, ammortamento negativo, pagamenti bullet e tutto il resto. In questi casi, l’azienda può pagare quantità variabili di interessi da un anno all’altro, il che significa semplicemente che i numeri dell’anno corrente possono non riflettere sempre le cifre future.

Un altro problema con il metodo del flusso di cassa operativo è la sua non copertura dell’incremento del leasing. Di nuovo, il rapporto ottiene i numeri di leasing dai rendiconti finanziari dell’anno corrente. Questo nonostante il fatto che i contratti di leasing al giorno d’oggi sono dotati di disposizioni di incremento. Ciò significa che il leasing può aumentare ogni anno, ma il rapporto non ne tiene conto.

Anche, nel calcolare il rapporto tra flusso di cassa e debito, gli analisti di solito non considerano il flusso di cassa da finanziamento o da investimento. Un’azienda con una struttura di capitale altamente levereggiata avrà probabilmente una certa quantità di debito da coprire. Assumere che l’azienda stia usando il suo capitale di debito per cancellare il suo debito, è illogico. Quindi, il flusso di cassa di finanziamento è escluso dal calcolo.

Un altro fattore omesso dal metodo del flusso di cassa operativo è il flusso di cassa dagli investimenti, che non è considerato un’attività principale che genera cassa. Gli analisti credono che sia meglio usare un valore di flusso di cassa che rifletta più accuratamente le operazioni quotidiane del business, come il flusso di cassa dalle operazioni.

Esempio di rapporto tra flusso di cassa e debito

Supponiamo che il debito totale di DwayneTech ammonti a $2.5 milioni, e il suo flusso di cassa operativo per l’anno ammonti a $625.000. Qual è il rapporto flusso di cassa/debito dell’azienda?

Ripartiamo per identificare il significato e il valore delle diverse variabili in questo problema.

Ora usiamo la nostra formula e applichiamo i valori alle nostre variabili per calcolare il rapporto flusso di cassa/debito:

\testo{Flusso di cassa/debito} = \dfrac{625{,}000}{2{500{,}000} = 25\%

In questo caso, l’azienda tecnologica avrebbe un rapporto flusso di cassa/debito del 25%.

Un rapporto flusso di cassa/debito del 25% significa che l’azienda sarà in grado di pagare un quarto del suo debito annualmente, e ci vorrebbero un totale di quattro anni (circa) per pagare l’intero debito, assumendo che il flusso di cassa sia costante. Se il rapporto dell’azienda fosse più alto, indicherebbe una forte posizione fiscale, considerando che il suo flusso di cassa dalle operazioni è superiore al suo debito totale. Questo permette all’azienda di aumentare l’importo in dollari dei suoi rimborsi del debito se necessario.

Analisi del rapporto flusso di cassa/debito

A prescindere dalle sue limitazioni, il rapporto flusso di cassa/debito è utile per diversi usi. Uno di questi è determinare l’affidabilità creditizia di un’azienda. Un’azienda deve ripagare i suoi interessi e ritirare il suo debito attraverso pagamenti in contanti – non i guadagni, anche se questi erano usati molto tempo fa quando i periodi di credito erano limitati o non esistevano, e i guadagni erano in qualche modo equivalenti al flusso di cassa. Con l’aumento del credito, la differenza è diventata più chiara. Un’azienda può registrare guadagni istantaneamente senza ricevere contanti fino a dopo anni, portando i creditori di oggi ad essere interessati solo ai rapporti di flusso di cassa.

Un altro uso comune del rapporto flusso di cassa/debito è nell’analisi della performance passata di un’azienda in termini di pagamento dei suoi debiti. Questo può non indicare la performance futura, ma gli analisti possono apportare modifiche al rapporto per aumentare la sua utilità.

In ogni caso, bisogna notare che il flusso di cassa operativo è unico dal flusso di cassa libero. Questo è talvolta usato dagli analisti perché rimuove il contante speso per le spese di capitale. Quindi, usare il flusso di cassa libero piuttosto che il flusso di cassa operativo può indicare che l’azienda non è così capace di coprire i suoi obblighi finanziari.

Nel calcolare il rapporto tra flusso di cassa e debito di un’azienda, gli analisti possono anche concentrarsi solo sul debito a lungo termine. Questo offre una visione più positiva dello stato finanziario di un’azienda se ha un considerevole debito a breve termine. Nel capire uno qualsiasi di questi rapporti, bisogna ricordare che possono variare molto da un settore all’altro. Quindi una buona analisi confronterà i rapporti di diverse aziende all’interno dello stesso settore.

Flusso di cassa e rapporto di debito Conclusione

  • Il rapporto flusso di cassa e debito mostra la relazione tra il flusso di cassa operativo di un’azienda e il suo debito totale.
  • Questa formula richiede due variabili: flusso di cassa operativo e debito totale.
  • I risultati di questo rapporto è solitamente espresso come percentuale.
  • Il rapporto flusso di cassa/debito è comunemente usato per valutare l’affidabilità creditizia di un’azienda
  • Guarda il comportamento di credito passato dell’azienda come base per fare miglioramenti.
  • Il rapporto flusso di cassa/debito ha delle limitazioni, incluso omettere l’ammortamento e l’incremento del leasing, nel calcolo.

Cash Flow to Debt Ratio Calculator

Puoi usare il cash flow to debt ratio calculator qui sotto per determinare velocemente il rapporto tra il cash flow operativo di un’azienda e il suo debito totale, inserendo i numeri richiesti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.