Home & Family: Mark Steines dice di essere stato licenziato per aver sostenuto le denunce di molestie da parte di donne dello staff

L’ex co-conduttore di Home & Family Mark Steines, che è stato licenziato dalla serie di lifestyle di Hallmark Channel a maggio, sta facendo causa alla rete per ritorsione e licenziamento illegittimo.

In una serie di documenti legali ottenuti dal nostro sito gemello Variety, la causa di Steines descrive un modello di comportamento abusivo portato avanti dal produttore esecutivo di Home & Family Woody Fraser. Secondo i documenti, Fraser era verbalmente abusivo e sessualmente inappropriato sul set della serie, in particolare quando si trattava di personale femminile e ospiti dello show.

“In più occasioni, il signor Fraser avrebbe fatto commenti sessualmente lascivi su ospiti femminili attraenti mentre parlava al signor Steines attraverso il suo auricolare durante le riprese dello show”, si legge nella causa. “Il signor Steines era inorridito dal comportamento lascivo, sessista e misogino del signor Fraser.”

Diverse collaboratrici si sarebbero rivolte a Steines con le loro lamentele sulle azioni di Fraser, e la causa sostiene che Hallmark Channel ha risolto il contratto di Steines con la rete – tre mesi prima della sua scadenza – dopo aver saputo che stava aiutando a difendere gli accusatori di Fraser.

L’uscita di Steines da Home & Family è stata affrontata nell’episodio del 1 giugno, in cui la co-conduttrice Debbie Matenopoulos lo ha ringraziato in lacrime per “sei dei più incredibili anni che ha avuto qui, ospitando questo incredibile show che ha contribuito a costruire.”

Una spiegazione per la partenza di Steines non è stata data in trasmissione, ma i suoi rappresentanti hanno detto in una dichiarazione che “Hallmark ci ha dato alcune ragioni vaghe … Non abbiamo ricevuto altro che recensioni positive di lui come conduttore di Home & Family.”

Cameron Mathison ha da allora sostituito Steines come co-conduttore a tempo pieno della Matenopoulos.

Se ti piace TVLine, AMERAI la nostra newsletter settimanale. Clicca qui per iscriverti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.