La vergogna di essere un mangiatore schizzinoso adulto

Per quanto possa ricordare ho avuto un cattivo rapporto con il cibo. Non ricordo di aver gradito una serie di cibi da bambino e, onestamente, non avevamo la più varia delle diete. Mia madre lavorava per molte ore in un pub e non siamo mai stati una famiglia benestante. I pasti ‘propriamente’ cucinati in casa non erano davvero una cosa in casa nostra e se lo erano, ricordo solo di aver mangiato arrosti. Andavamo sempre a cena da mia nonna il mercoledì e la maggior parte delle volte era lo stesso tipo di cosa.

La mia infanzia fino a circa 9 o 10 anni è un po’ confusa per vari motivi, quindi probabilmente sto dimenticando molte cose. Mamma probabilmente ha cucinato più di quanto io pensi, ma non è sicuramente qualcosa che posso ricordare. Una cosa che mi è rimasta impressa nella testa, però, è stata l’esame dei bastoncini di pesce per assicurarsi che non ci fossero lische e le orribili discussioni su come erano fatti gli hot dog (e nessuna di queste cose era vera).

Quando si parla, o si legge qualcosa sui mangiatori schizzinosi, penso che si tenda ad associarli ai bambini piccoli o alle bambine. Ho parlato prima di Erin che era una bambina esigente e di come stiamo cercando di fare in modo che non sia qualcosa che si attacca. La verità è che non voglio che Erin cresca come me, una mangiatrice esigente di 33 anni.

Quando dico che sono una mangiatrice esigente non è un’esagerazione. Anche scrivere queste parole mi fa sentire piena di vergogna e come se fosse un piccolo sporco segreto che sto nascondendo.

Non gradire ciò che la maggior parte delle persone considererebbe cibo normale ha reso l’essere bambino abbastanza difficile. Andare a casa di amici per il tè era quasi impossibile perché non avrei mangiato nulla che assomigliasse a un pasto normale. Una volta andai a prendere il tè da un’amica e la mamma non poteva credere che non avrei mangiato piselli. Ricordo bene quel giorno. Volevo piangere perché era come se non fossi normale.

A Turtle Bay con Erin

Non saprei dirti cosa ho mangiato da adolescente. Mia sorella una volta mi ha portato fuori con i suoi amici in un ristorante, ma l’unico modo in cui l’avrebbe fatto era se avessi provato le jacket potato, i fagioli e un milkshake alla vaniglia. Prima di oggi non ricordo di aver mai mangiato o bevuto nessuna di queste cose. Eviterei di andare da qualche parte con gli amici se comportasse mangiare qualcosa di cui non sono sicuro e soprattutto se ci fosse la possibilità di dover effettivamente provare qualcosa di nuovo.

Le mie abitudini alimentari schizzinose non sono mai migliorate davvero e non sono sicuro del perché o del perché sono rimasto bloccato in una tale posizione. Penso di essere arrivato a un punto in cui ero oltre il provare cose nuove e a questo punto, penso che ero troppo spaventato e troppo imbarazzato per dire che non mangiavo molto. Quando ho visitato Toronto per la prima volta nel 2016 ho provato la pasta per quella che posso solo dire sia stata la prima volta. Se l’avevo mangiata prima, allora non la conoscevo. Deve sembrare così sciocco alla maggior parte delle persone sentire che io, a 20 anni, ho provato la pasta per la prima volta. La pasta era in salsa bianca e aveva anche carote, broccoli e piselli, ma gli ultimi due non li ho nemmeno toccati. Ora, mangio molta pasta, quindi senza quella, la lista delle cose che mangio sarebbe ancora più piccola.

Pasta al Prezzo

Se questo non fosse abbastanza, non so se in nessun momento ho mangiato o anche solo provato le lasagne, la pasta al pomodoro o un pasticcio di pollo. Nemmeno una volta ho provato una frittura. Non ho mai mangiato un’intera gamma di frutta o verdura e probabilmente non potrei nemmeno nominarne molte.

Potrei probabilmente elencare un massimo assoluto di 20 pasti che mangerei. Questo potrebbe essere un po’ esagerato in realtà. Il problema ora è che mi sono messo in una tale posizione, e in un tale stato, riguardo al cibo che provare cose nuove in realtà mi spaventa. Non importa cosa dice la gente o quanto sia bello che qualcuno dica che qualcosa è, semplicemente non riesco a convincermi a farlo. Non si tratta più solo di essere un mangiatore schizzinoso. C’è una vera e propria paura e preoccupazione di provare qualcosa di nuovo e se sono messa in quella posizione voglio piangere la maggior parte delle volte. Vorrei poter dire che questo avviene solo in luoghi pubblici, ma anche a casa.

A causa dei miei problemi alimentari, facciamo fatica come famiglia e non mangiamo una vasta gamma di cibi. Mi preoccupo di come questo influenzerà Erin crescendo. John ama il cibo e mangia praticamente di tutto e si blocca a mangiare sempre le stesse cose con me perché non vuole mangiare pasti separati, non importa quanto io dica che dovrebbe farlo.

Essere un mangiatore esigente adulto significa preoccuparsi costantemente se c’è qualcosa che si può mangiare in qualsiasi ristorante, chiedere istruzioni speciali per la cottura e cose da lasciare fuori da un pasto. Significa assicurarsi di poter mangiare da qualche parte quando si va in vacanza. Significa trovare scuse sul perché non si può uscire a mangiare con altre persone a volte o andare in un ristorante per lavoro e preoccuparsi per ogni singolo secondo che si è lì.

Mi piacerebbe più di ogni altra cosa mangiare una dieta più varia, provare qualcosa di nuovo e poter andare a mangiare indiano con mio marito. In realtà, qualcosa mi impedisce anche solo di provarci ed è più facile attenersi a ciò che conosco.

Sono un’esperta in materia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.