Quale lana è la più calda

I produttori spesso indicano la lana nella composizione, ma solo uno specialista può capire che tipo di fibra è stata usata. E quanto l’etichetta corrisponde alla composizione reale del prodotto. Il fatto è che i prodotti di lana hanno proprietà specifiche. E la naturalezza delle materie prime garantisce ad una persona non solo il calore, ma anche una serie di aspetti positivi per la salute.

Qual è il cappotto più caldo?

La lana è uno dei materiali più venerati al mondo.

Anche nei tempi antichi, la gente ha attirato l’attenzione sulla qualità delle caratteristiche, e soprattutto, la capacità di riscaldare anche nelle gelate più severe. Non tutti i tipi di lana sono uguali nelle loro proprietà. Ci sono tipi di materie prime che vale certamente la pena evidenziare separatamente. Per esempio, la maggior parte tende alle proprietà riscaldanti uniche della lana merino. A causa della speciale composizione delle fibre, i prodotti realizzati con essa sono particolarmente caldi, e il materiale è resistente all’ambiente esterno e ha una forza speciale. L’alpaca si distingue anche come un tipo unico di fibra di lana, che ha una morbidezza speciale.

Tipi di lana naturale e le sue proprietà

Alpaca

Questo materiale unico è ottenuto dalla tosatura della lana di un animale appartenente alla famiglia dei cammelli, ma di dimensioni inferiori. Il filato di questo animale ha le proprietà curative del pelo di cammello, ma è più morbido e caldo. Inoltre, il materiale è resistente all’usura, leggero. Capispalla, maglioni e sciarpe, maglieria per bambini sono fatti con esso. Il prodotto è presentato in 24 tonalità. Le fibre del materiale hanno una lucentezza leggera, non scricchiolano, trattengono perfettamente il calore, grazie al fatto che la fibra dell’animale è abituata al gelo per il fatto che pascola in montagna, dove la temperatura può arrivare fino a -30 gradi.

Angora

Angora è fatta di lanugine di capra o coniglio. Il materiale è leggero, caldo. Le materie prime hanno una bassa densità. Pertanto, è molto facile. Fondamentalmente, questo materiale viene aggiunto insieme a fibre sintetiche, in una proporzione del 20% di angora e 80% dei fili rimanenti. Questo è dovuto alla sua fragilità. Le cose di angora hanno una delicatezza speciale, con una cura impropria, la lanugine può uscire, quindi si dovrebbe considerare attentamente questa materia prima, così venerata dai designer moderni quando si creano collezioni di stagioni invernali. Le materie prime sembrano grandi in sciarpe, cappelli, maglioni, guanti.

Camel

Il materiale ha una caratteristica unica per dare calore secco. Inoltre, se una persona sta sudando, allora le sostanze che vanno fuori e poi fuori non passano il prodotto indietro. I prodotti in lana di cammello sono spesso prodotti per l’abbigliamento utilizzato per scopi terapeutici. Possono essere gilet, sciarpe, tappeti, coperte e cuscini. Si crede che questo particolare materiale aiuti con le malattie del sistema muscolo-scheletrico, allevia le nevralgie e migliora la condizione con i reumatismi. Un’altra preziosa proprietà del pelo di cammello è la sua capacità di respingere le particelle di polvere.

Vicuna

Questo tipo di lana è rara. Nonostante la sua sottigliezza, il materiale permette di proteggersi dal freddo rigido, tollera il tempo ventoso e umido, dando una sensazione di calore. Le materie prime di questo tipo non sono economiche. Ciò è dovuto al fatto che la vigogna è un animale raro. E una grande produzione di prodotti di lana da esso porterebbe all’estinzione della specie. In rari prodotti costosi si trova questo materiale. Spesso i prodotti sono fatti da artigiani. Maglioni, fasce sono molto belli e caldi.

Cashmere

Fatto da capra tibetana. Viene usato solo il suo sottopelo. Il materiale ha proprietà uniche che combinano calore, leggerezza, morbidezza. Il vero cashmere è valutato molto costoso e viene utilizzato nella fabbricazione di cappotti, maglioni, cappelli. Il materiale consiste di lanugine, ma di una qualità così alta che i prodotti da esso servono per un tempo molto, molto lungo. Il vero cashmere non è facile da trovare in vendita. Sempre più spesso vengono emesse fibre miste per il cashmere, che possono includere altri tipi di lana e sintetici.

Merino

Il filato viene prodotto da pecore di una razza speciale – merino. Le fibre hanno una sottigliezza unica, ma allo stesso tempo, sono resistenti e calde. Una caratteristica dei prodotti di lana merino è la loro resistenza all’usura. Le cose di questo materiale non si deformano per molto tempo e hanno l’eccezionale proprietà di trattenere il calore. Questo materiale aiuta a mantenere il calore del corpo umano grazie alla struttura, che ha piccole sacche d’aria. I prodotti sono resistenti alla comparsa di un odore specifico, sono ben tollerati da coloro che sono inclini alle allergie.

Mohair

È fatto da capre d’Angora. Nella sua struttura, è il pelo di capra più resistente. Pertanto, le fibre hanno una forza speciale, resistenza al fuoco, non si sgualciscono. I prodotti fatti di mohair hanno le proprietà di isolamento termico, non scivolano, hanno una maggiore resistenza e sono particolarmente morbidi e piacevoli per il corpo.

Quale lana riscalda meglio in inverno?

La lana merino, l’alpaca, così come il cashmere hanno un’eccellente proprietà di tenere caldo.

Ma vale la pena ricordare che il cashmere non è ancora scelto per le forti gelate, ma come una materia prima che può resistere alle temperature medie invernali, ma allo stesso tempo ha un aspetto elegante. Se hai bisogno di camminare all’aperto per molto tempo in inverno, allora i prodotti di alpaca di alta qualità, così come quelli di pecora merino, sono due delle opzioni più pratiche. La struttura delle fibre di questi tipi di lana ha la capacità di trattenere il calore per molto tempo. Allo stesso tempo, i materiali hanno una particolare morbidezza e resistenza alle condizioni esterne – vento, basse temperature.

Come distinguere la lana naturale dal falso?

Si può distinguere al tatto, passando una mano sulla superficie. Su un prodotto in cui predomina la fibra sintetica, si formano segni lucidi. E sulla lana naturale non ci sono tracce al tatto. Il materiale non naturale spesso mostra scintille quando viene toccato. E il modo più affidabile per determinare la naturalezza delle materie prime è dare fuoco a un filo. Se si è formata una goccia fusa e un odore chimico specifico, abbiamo dei sintetici. La lana quando brucia ha l’odore di un materiale naturale e non si scioglie.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.